Esplora contenuti correlati

Avv.13 Comunicazione assenze e modalità di giustificazione

 

Alle famiglie

Ai Referenti Covid-19

Al personale docente e non docente

pc  al DSGA

Sito web

 

 OGGETTO: Comunicazione assenze e modalità di giustificazione

Secondo quanto stabilito dal Rapporto ISS n.58/2020, ECDC 31 luglio 2020 e dalle Indicazioni di indirizzo per la riapertura delle Scuole dell’ATS Insubria del 10 settembre 2020, aggiornate il 17 settembre 2020, si comunicano le modalità di giustificazione delle assenze degli alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado:

  • Se un alunno è assente per motivi familiari,per poter essere riammesso alle lezioni, il genitore o chi ne fa le veci è tenuto a compilare l’apposito tagliando del diario di istituto allegando il modulo 1 “Autodichiarazione assenza da scuola per motivi di famiglia”.
  • In caso di assenze programmate ( vacanze, visite a familiari…) la famiglia è tenuta a dare preventiva comunicazione alla scuola e al ritorno a giustificare tramite il diario di istituto allegando il modulo 2 “Comunicazione assenza programmata”
  • Per le assenze per motivi diversi da quelli di salute e inferiori a 5 giorni il genitore utilizzerà il diario di istituto personale dell’alunno compilando apposito tagliando
  • Se un alunno è assente per motivi di salute il genitore utilizzerà il diario di istituto personale dell’alunno compilando l’ apposito tagliando. Inoltre, come indicato dall’Ats Insubria, in caso di assenze per motivi di salute o comunque superiori ai 5 giorni, è necessario per tutti gli alunni, consegnare la seguente documentazione:

 

TIPOLOGIA DI ASSENZA LA FAMIGLIA DEVE
 

Caso sospetto COVID 19 secondo giudizio e valutazione del Pediatra o medico di famiglia (tampone diagnostico negativo)

Consegnare agli insegnati:

Attestazione che il bambino può essere riammesso in comunità in quanto è stato seguito il percorso diagnostico e terapeutico (PDT) e di prevenzione COVID19, rilasciata dal Pediatra o Medico di famiglia

 

In alternativa

Consegnare a scuola l’esito negativo del tampone

 

Caso accertato COVID19 (tampone diagnostico positivo) Consegnare agli insegnati:

Attestazione di idoneità al rientro in comunità solo dopo guarigione clinica e virologica ( 2 tamponi negativi)   rilasciata dal Pediatra o Medico di famiglia

 

In alternativa

Attestazione di “fine isolamento obbligatorio” riportante la negatività dei due tamponi, rilasciato alla famiglia da ATS

 

Contatto stretto di caso COVID positivo in famiglia o ambiente extrascolastico, con tampone negativo

 

Consegnare agli insegnati:

Attestazione di aver seguito il percorso diagnostico e terapeutico (PDT) e di prevenzione COVID19, rilasciata dal Pediatra o Medico di famiglia

Altra causa di malattia ( ad. Es. trauma, impetigine…) Autocertificazione su modello allegato alla presente circolare (modulo 3)
Assenza superiore ai 5 giorni per altra causa

 

Autocertificazione su modello allegato alla presente circolare (modulo 3)
Assenza perché l’alunno era all’estero (paesi extra-Schengen e paesi a rischio) Segnalare il rientro ad ATS tramite la compilazione del form disponibile sul sito www.ats-insubria.it

ed effettuare per 14 giorni l’isolamento domiciliare: l’alunno in quel periodo non potrà venire a scuola. Se durante i 14 giorni dovessero presentarsi i sintomi indicati sopra, il genitore dovrà contattare il Pediatra o il Medico di famiglia e l’alunno rientrerà a scuola con attestazione rilasciata dal pediatra o dal medico di famiglia. Se non si presenta alcun sintomo, al rientro il genitore dovrà compilare il modello di autocertificazione della scuola ( modulo 3)

Gli alunni di rientro da seguenti paesi europei considerati a rischio: Grecia Spagna Croazia Malta in base al DPCM del 07/09/2020 devono sottoporsi a tampone di controllo entro 48 ore dall’arrivo in Italia. L’elenco dei paesi a rischio viene costantemente aggiornato e deve essere consultato

 

A tutela della salute di tutti, in mancanza dei suddetti modelli compilati e firmati o di attestazione del pediatra o del medico di famiglia (nei casi previsti), l’alunno NON potrà essere riammesso a scuola.

Si ricorda inoltre che non è consentito venire a scuola:

  • Se la temperatura è uguale o superiore a 37,5 °C
  • Se si hanno sintomi simil influenzali: raffreddore, tosse, diarrea o sintomi gastrointestinali acuti, congiuntivite
  • Se si arriva da Paesi Esteri ad alto rischio contagio per i quali ricorra l’obbligo di isolamento fiduciario o la sorveglianza sanitaria
  • Se si sono avuti contatti nei 14 giorni precedenti con persone positive al VIRUS

In tutti questi casi è consigliabile rivolgersi al pediatra o al medico di famiglia

Si confida nel senso di responsabilità di tutti al fine di tutelare la salute propria e di chi ci sta accanto e si ringrazia per la preziosa collaborazione

 

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dott.ssa Ilaria Maci

Documento firmato digitalmente ai sensi del D.Lgs. 82/2005 s.m.i. e norme collegate

 

 

torna all'inizio del contenuto